Riflessioni Enologiche di un Viaggiatore diVino

Marco Sargentini ci porta dentro un mondo fatto di storie di incontri e di vino. Momenti di convivio nei luoghi dove il tempo “si ferma” e l’orologio non ticchetta più: le Enoteche.

Arrow Right Top Bg

13 Febbraio, 2024

Narciso e Boccadoro

La famosa frase di Bertolt Brecht “Ci sedemmo dalla parte del torto visto che tutti gli altri posti erano occupati”, è sempre stata la bandiera di un certo modo di intendere la vita. Quell’urgenza di ridare valore alle parole. La stessa, che mi spinge a narrare di incontri intensi, stralci di situazioni, emozioni in diversi stili e toni, ordinati secondo il ritmo, i volti e i luoghi. Uno di questi luoghi è a Roma. In quella Roma Nord dove Alessandra e Luca hanno deciso di intraprendere il loro viaggio, con l’Enoteca Messervino. (Instagram, Facebook). Qui Uomo e Luogo hanno la stessa matrice e l’architrave concettuale è il Vino: Rotari Flavio Riserva Trento Doc Nature 2013 (100% Chardonnay) www.rotari.it. Rappresentato per la città di Roma dall’agenzia @ravirappresentanze. Profilo suadente dal fine perlage. Questa Cuvée esprime armonia di sapori. Le note di frutta gialla matura con richiami di nocciola e cioccolato, sono ben supportate da una profonda acidità. Finale vivace e dalla spiccata sapidità. È IL TRENTO DOC NELLA SUA MASSIMA ESPRESSIONE. Ogni sorso è portatore di una storia, ogni profumo conduce in un viaggio sensoriale. Un’unica atmosfera e un luogo senza tempo, regole, inibizioni, status e giudizi, per rinforzare il legame indissolubile tra l’essere umano e la terra, tra vino, eros e libertà. È il tentativo di un’improbabile Sherazade enogastronomica, il rapporto con le generazioni precedenti, i ricordi, i fallimenti, i dolori e le speranze. È la vista annebbiata, il cuore che si ferma, il fragore di migliaia di bottiglie stappate, risate, emozioni di un attimo che si rinnovano. Un vino che appare come un inno alla gioia di vivere. Il Viaggio è come una raccolta di racconti, diversi per generi e ambientazioni, accomunati dall’essere legati a tanti piccoli mondi che ognuno di noi ha creato con il tocco che gli è proprio. Nel corso si mettono a nudo le emozioni, travolti dal potere di melodie pacificatrici, suoni diabolici e rapsodie incantate. Perché le parole sono potere, scritte o raccontate che siano, possono portarci indietro, ai tempi delle ballate dei cavalieri, ai giorni spensierati dell’adolescenza, al momento della nostra nascita. Possono viaggiare tra i mondi ed evocare spiriti inquieti, corrompere la nostra anima, rinfrancarci dalle fatiche quotidiane. Possono dare un senso all’esistenza, completandoci come uomini ricordandoci, di non essere soli. LA PROPOSTA DELL’ENOTECA: Rotazione di 10 Vini in mescita, tra bollicine (italiane e Francesi) e Vini fermi (Bianchi e Rossi), accompagnati da taglieri e cicchetti veneziani. Formula Ape: 1 calice a scelta tra quelli in mescita con 3 cicchetti veneziani € 10 a pax. Per tutti i lettori di WineTalesMagazine l’enoteca riserva uno sconto del 10% sull’acquisto di bottiglie di vino, cene e aperitivo. Basta presentarsi come lettori! Marco Sargentini Mi trovi su Instagram e Facebook Riflessioni Enologiche di un viaggiatore diVino  
Leggi
Arrow Right Top Bg

15 Gennaio, 2024

Ora e per sempre

Quante volte ci sarà capitato di sospirare sognando di poter fermare il tempo, magari per godere di un momento particolare. Purtroppo, no, nessuno è mai riuscito nell’intento di bloccare le lancette. Eppure, esiste un modo o, meglio, un luogo, dove il tempo “si interrompe” e l’orologio smette di ticchettare: l’Enoteca Vanni di Lucca www.enotecavanni.it. Cantine risalenti al III secolo D.C. che si sviluppano per circa 300 mq sotto Piazza Michele, nel pieno centro della città del Comics. Una selezione infinita di oltre 50.000 etichette, provenienti da tutta Italia, Francia e Germania. Una stella polare per gli amanti del buon bere. Qui le storie parlano di personaggi capaci di diventare familiari quasi fossero persone vere. Una sequenza più o meno lunga di quella che è l’unità minima, e originale, di ogni racconto. Più di ogni altra cosa è questo che individua l’unicità di uno luogo, la sua voce inimitabile. Tutto parte dal momento, il frattale che, replicato innumerevoli volte, sempre diverso eppure inesplicabilmente uguale, dà vita al tempo. La struttura, il ritmo, con le pause e gli accenti, la riscoperta dei contenuti sentimentali, emozionali e intellettuali del vivere e del bere, passano per la bottiglia che insieme a Paolo, fine cernitore e stiloso padrone di casa, abbiamo degustato. Camille de Labrie Rouge 2020 Château Croix de Labrie @croixdelabrie, importato in Italia in esclusiva da Mjselection. Bordeaux Rosso biodinamico della zona di Sant-Emilion (75% Merlot 25% Cabernet Sauvignon). Grande finezza composta di frutta, spezie e tabacco dal carattere aromatico e complesso. Questo è un vino che smantella uno ad uno i manierismi del sommelier new wave, spogliandolo del suo costume da giullare di corte, riportandolo così ad una dimensione di normalità. Il vino è vino, il tempo è tempo. Immaginiamo due orologi fluttuare nello spazio interstellare: questi ticchettano alla stessa velocità, o in termini più tecnici sono sincronizzati. Se uno dei due orologi dovesse avvicinarsi ad un oggetto massivo, inizierà a battere il tempo in modo diverso, rallentando a mano a mano che si avvicina. A quel punto i due orologi si de-sincronizzerebbero. Se l’orologio allontanatosi tornasse a fluttuare nella stessa posizione di prima, le sue lancette sarebbero in ritardo rispetto a quelle rimaste nello spazio interstellare. LA PROPOSTA DELL’ENOTECA: Mescita giornaliera di circa 15 Rossi e 15 bianchi, in base a disponibilità e scelta dei proprietari. Sistematica e continua rotazione dei vini proposti, abbinati a taglieri di salumi e formaggi.   Marco Sargentini Mi trovi su Instagram e Facebook Riflessioni Enologiche di un viaggiatore diVino  
Leggi